Sostieni le Scuole Malpighi

Scuole paritarie, servizio pubblico

Le Scuole Malpighi sono scuole paritarie che intendono fornire un servizio pubblico aperto a tutti coloro che desiderano frequentarle.

Per questo motivo il FONDO PER LE BORSE DI STUDIO, attivo da più di 20 anni e sostenuto dai contributi di privati, imprese e fondazioni bancarie, aiuta il 21% dei nostri studenti per un importo complessivo di oltre di 220.000 euro all’anno.

Le donazioni per il FONDO PER LE BORSE DI STUDIO possono assumere forme diverse:

 

Contributo100

Le famiglie degli studenti delle Scuole Malpighi possono versare € 100 al Fondo di Solidarietà semplicemente aggiungendoli al pagamento della prima rata della retta scolastica.

Ringraziamo tutti coloro che in questi anni hanno così contribuito ad aiutare altri ragazzi a proseguire gli studi.

 

5 per mille

È possibile contribuire al Fondo per le Borse di Studio delle Scuole Malpighi versando il 5 per mille all’Associazione Oppizzoni (codice fiscale 91265430370), un’associazione di volontariato iscritta al Registro Provinciale di Bologna delle ONLUS che ha lo specifico scopo statutario il sostegno all’impegno economico educativo delle famiglie.

 

Erogazioni liberali

Le Persone Fisiche possono donare fondi per le borse di studio delle Scuole Malpighi sottoforma di erogazione liberale all’Associazione Carlo Oppizzoni. Le erogazioni sono deducibili fino al 10% del reddito imponibile con un massimo di € 70.000,00 ai sensi dell’art. 14 D.L. 35/05 oppure, alternativamente ma non cumulabile, detraibile dall’imposta lorda nella misura del 19% fino ad un massimo di € 2.065,83, ai sensi dell’art.15 del d.lgs. 344/2003.

L’importo può essere versato tramite bonifico bancario sul conto corrente intestato all’Associazione Carlo Oppizzoni A.P.S. presso Unicredit – IBAN IT94L0200802435000103386221.

Le Persone Giuridiche possono donare fondi sottoforma di erogazione liberale a favore della Fondazione Oppizzoni o del Ritiro San Pellegrino. Le erogazioni liberali sono deducibili dal reddito d’impresa nel limite del 2% del reddito fiscale imponibile dichiarato, ai sensi dell’art. 100 co. 2 lett a) del TUIR.

L’erogazione liberale è considerata una pura donazione senza richiesta di controprestazioni specifiche.